Redazione Paese24.it

Trebisacce, interventi di recupero all’antica Fornace

Trebisacce, interventi di recupero all’antica Fornace
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

L’antica Fornace Aletti si rifà il look per continuare la sua missione di marcatore identitario e di testimone del tempo per una città che guarda al futuro ma che vuole rimanere saldamente ancorata alle sue radici. E nelle radici della storia di Trebisacce c’è, e con piena legittimità, la storica Fornace di laterizi realizzata tra il 1905 e il 1907 per volontà dell’ingegnere varesino Adone Aletti e di un imprenditore di Cosenza, Luigi Palermo. Dal punto di vista tecnologico, la Fornace Aletti costituisce una delle prime testimonianze in Calabria dell’utilizzo del cosiddetto “Forno Hoffmann” che consentiva di ottimizzare i tempi di cottura dell’argilla, utilizzando minori quantità di combustibile e minore manodopera e realizzando prodotti sempre più perfetti e concorrenziali. Ma oltre alla valenza commerciale dei suoi prodotti realizzati con l’argilla dell’antica “cava”, la Fornace, a quel tempo unica forma industriale in tutto il territorio dell’Alto Jonio cosentino, per Trebisacce e per la sua economia ha costituito per circa un secolo l’autentica Fiat. Nei primi decenni di attività, infatti, e prima dell’avvento dei macchinari, la Fornace dava lavoro a circa 150 persone e benefici economici ad altrettante famiglie, tanto che un impiego nella Fornace veniva considerato alla pari di un posto statale. Ma la sua storia produttiva, nonostante gli sforzi e la tenacia del compianto Comm. Angiolino Cardamone che ne è stato l’ultimo proprietario, è terminata inesorabilmente nel 1987 e da allora dell’antica Fornace “Aletti” non rimane che la parte centrale occupata dai forni Hoffman sovrastati dall’immarcescibile e imponente ciminiera (foto di Arcangelo Augusto Bloise).

A vederla ancora oggi, a distanza di circa un secolo, la possente e artistica ciminiera, rappresenta un autentico miracolo di edilizia strutturale e anche di gusto estetico, ma è carica di un enorme valore simbolico, storico e culturale di quell’archeologia industriale su cui le amministrazioni comunali che si sono succedute fanno bene a puntare attraverso lavori di recupero, di messa in sicurezza e di riutilizzo. Per il suo recupero, infatti, sono già stati impegnati in passato ben 750mila euro di risorse pubbliche, che sono servite alla ristrutturazione e alla messa in sicurezza dei forni, della loro parte soprastante e della ciminiera, mentre con l’ultimo finanziamento di 70mila euro i cui lavori sono in corso, la si sta dotando dei servizi igienici, si stanno eliminando le barriere architettoniche ancora esistenti e si sta lavorando per completare l’impiantistica elettrica, quella termica e quella idraulica.

«L’intervento – ha dichiarato il giovane ingegnere Felice Gualtieri – si inserisce appunto in un progetto più ampio, che vede il recupero di un elemento importante della memoria del territorio quale obiettivo di grande importanza storico e culturale».

«Oltre a completare un’importante opera polivalente – ha dichiarato da parte sua il sindaco Franco Mundo – e consegnarla ai cittadini per essere utilizzata e declinata per varie attività, si va a recuperare un segmento importante della storia locale, un esempio di operosità e una testimonianza concreta che guarda indietro nel tempo e che rimane saldamente legata alla memoria storica della comunità».

Pino La Rocca

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *