Redazione Paese24.it

Distrutto autovelox nel comune di Cassano allo Ionio

Distrutto autovelox nel comune di Cassano allo Ionio
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Danneggiato gravemente l’autovelox installato nel mese di dicembre 2016 sulla SS 534 al chilometro 17+450, posto in direzione della SS.106 Jonica, nel comune di Cassano allo Ionio. Ignoti, nottetempo, molto probabilmente con l’ausilio di un mezzo agricolo, da un terreno adiacente l’arteria viaria, hanno agganciato lo strumento di controllo della velocità, sradicandolo dalle fondamenta e abbandonandolo riverso sul terreno. Gli autori del reato, hanno inoltre inveito sullo strumento di registrazione e controllo del limite di velocità e delle norme del Codice della Strada, distruggendolo.

Il sindaco Gianni Papasso ha stigmatizzato l’ignobile gesto vandalico, auspicando che presto le forze dell’ordine, che hanno subito avviato un’indagine sull’accaduto, possano individuare e assicurare alla giustizia il responsabile o i responsabili dell’azione criminosa attuata in dispregio delle regole del vivere civile e in segno di sfida nei confronti delle istituzioni che gravitano sul territorio assicurandone ordine e sicurezza pubblica. Il Comando di Polizia Locale, appena ricevuta la segnalazione dell’accaduto, ha eseguito un sopralluogo per constatarne i termini. Ne è seguita la denuncia, sporta da parte del vice comandante della Polizia Municipale, Marcello Papasso, alla Tenenza dei Carabinieri di Cassano, nei confronti dei responsabili dei reati che si possono ravvisare relativamente all’azione criminosa consumata, chiedendone, una volta individuati, la conseguente punizione in ossequio dei dettami della norma in materia. Il rilevatore di velocità (Autovelox) distrutto dai vandali entrati in azione, nella notte tra mercoledì e giovedì, dopo un periodo di fermo, dovuto al furto dei cavi in rame di collegamento all’energia elettrica, era stato riattivato appena lo scorso 18 febbraio.

Redazione

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *