Redazione Paese24.it

Amendolara. Il catechismo entra nelle case per vincere l’isolamento da Coronavirus

Amendolara. Il catechismo entra nelle case per vincere l’isolamento da Coronavirus
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

I bambini non possono frequentare il catechismo? Il catechismo entra nelle case. La chiesa continua ad ingegnarsi per evitare che il Coronavirus, la pandemia che sta affliggendo l’Italia e il mondo, faccia sentire ancora più soli, giovani e adulti, ora che si è chiamati a “restare a casa” stravolgendo la propria quotidianità e facendo i conti con le proprie paure e fragilità. Ma anche un’occasione per riscoprire l’essenzialità della vita e coltivare l’interiorità tra le mura domestiche.

E, così, il parroco della chiesa “Madonna della Salute” di Amendolara Marina, don Nicola Arcuri – accogliendo l’invito dell’Ufficio Catechistico Nazionale della Cei – oltre all’utilizzo dei social per far sentire la propria vicinanza tramite messaggi di speranza e preghiera, e attraverso le messe in diretta facebook sulla pagina della parrocchia, ha chiesto alle catechiste di «continuare ad essere presenti nella vita dei ragazzi con alcune attività». «Il percorso dei gruppi e della catechesi in preparazione ai Sacramenti di vita cristiana – afferma don Nicola – non può arrestarsi. Anche da casa possiamo e dobbiamo promuoverlo. A voi certamente non manca la creatività, né i mezzi per continuare a farlo». Dal canto suo, il parroco ha già proposto un’attività che le catechiste promuoveranno, con la collaborazione dei genitori, attraverso i gruppi whatsapp e telefonicamente, ossia schede di lavoro da colorare e completare, diverse in base alle fasce d’età.

La tecnologia, dunque, in aiuto per sconfiggere l’isolamento e lo sconforto, altri nemici da abbattere, oltre a quello, ovviamente primario, del Coronavirus. Intanto, la classe dei più piccoli (6 anni), su idea delle loro catechiste e del sacerdote, ha già inviato, in occasione di San Giuseppe, Festa del Papà, dei disegnini colorati (nella fotogallery in basso). Che sia una voce in streaming, una foto o un messaggio social poco importa. Ciò che conta è far sentire la propria vicinanza, in attesa di poter correre di nuovo l’uno verso l’altro e convertire gli abbracci virtuali, cui si è costretti ora, in abbracci reali.

Federica Grisolia

FOTOGALLERY

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *