Redazione Paese24.it

Un caso di Coronavirus ad Oriolo. Sindaco ordina la quarantena per due famiglie

Un caso di Coronavirus ad Oriolo. Sindaco ordina la quarantena per due famiglie
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Registriamo un caso di Coronavirus anche ad Oriolo. Il secondo nell’Alto Jonio Cosentino, dopo la signora di Francavilla Marittima, purtroppo deceduta nei giorni scorsi. Le notizie di Oriolo si sono inseguite impropriamente sui social da oggi pomeriggio facendo ancor più male ad una comunità già provata ma che resiste con la dedizione nel rispetto delle regole, la forza della Fede e la presenza costante del sindaco Simona Colotta che da subito è in prima linea adottando tutte le misure necessarie per arginare il virus. Il sindaco ha ricevuto oggi dall’Asp di Cosenza la notizia della positività al tampone di un suo concittadino sulla sessantina d’anni. Adesso si attende l’esito del contro tampone. L’uomo si trova ora ricoverato presso l’ospedale di Cetraro. Il sindaco Colotta, attivatasi prontamente, come primo responsabile della salute dei suoi cittadini ha firmato nove ordinanze di quarantena obbligatoria, da oggi e per quindici giorni. Tre per i congiunti stretti del paziente positivo. Ed altre cinque per un altro nucleo familiare di parenti. Inoltre, in queste ore, l’Amministrazione Comunale è al lavoro assieme all’Asp di Cosenza per tracciare i contatti intercossi tra il paziente positivo ed altri eventuali soggetti.

E’ provata ma allo stesso tempo vigile e determinata, la sindaca di Oriolo, che abbiamo raggiunto telefonicamente per cercare di fare un minimo di chiarezza in una situazione molto delicata, come quella che stiamo vivendo in questi giorni, amplificata in peggio da “comunicatori della domenica” che intasano i social e le famigerate chat di wathsapp con notizie allarmanti, alla ricerca dello scoop di pessimo gusto. «Chiedo ai miei concittadini di non farsi prendere dal panico. La situazione è sotto controllo – ci conferma il sindaco -. Stiamo rispettando il protocollo alla lettera in stretta sinergia con l’Asp di Cosenza. Queste due famiglie sono monitorate costantemente». Il Comune di Oriolo ha ordinato, come anche altri comuni, circa 500 kit con i quali grazie ad un test sul sangue è possibile scoprire se si ha contratto il virus. E’ una sorta di pre-tampone da effettuare sugli asintomatici che ne faranno richiesta (che quindi non hanno diritto al tampone) considerato molto attendibile.

Vincenzo La Camera

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *