Redazione Paese24.it

Sindaci Alto Jonio chiedono alla Santelli di riaprire ospedale Trebisacce. «Come già sancito dal Consiglio di Stato»

Sindaci Alto Jonio chiedono alla Santelli di riaprire ospedale Trebisacce. «Come già sancito dal Consiglio di Stato»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

I sindaci di tutti i paesi dell’Alto Jonio Cosentino hanno scritto una lettera al presidente della Regione Calabria, Jole Santelli, al Commissario ASP Cosenza, Giuseppe Zuccatelli, e al Commissario ad Acta per piano di rientro Regione Calabria, Saverio Cotticelli, per chiedere, con una voce sola la riapertura dell’Ospedale “Chidichimo” di Trebisacce, già sancita dalla sentenza 1551/2015 del Consiglio di Stato e dal D.C.P.R. n° 30/2016.

Facendo seguito a quanto già comunicato e richiesto dal sindaco di Trebisacce – si legge nella missiva – sollecitiamo un immediato riscontro e chiediamo urgente esecuzione della sentenza Consiglio di Stato e/o del decreto del Commissario ad acta 30/2016. Evidenziamo come, anche in piena emergenza Covid-19, non solo siano stati sospesi i ricoveri nella lungodegenza e non rinnovata la convenzione con gli anestesisti, fino al 20 marzo utilizzati nel PS di Trebisacce, quanto sebbene siano stati adottati degli atti amministrativi e siano stati pronunciati provvedimenti giurisdizionali, ancora ad oggi, per il presidio di Trebisacce, si vive nel perenne oblio e disinteresse. Ciò ha comportato, tra l’altro, l’impossibilità a ricorrere ai provvedimenti governativi e legislativi che consentono il reperimento urgente di personale e l’acquisto di attrezzature per fronteggiare non solo l’emergenza coronavirus, ma soprattutto le emergenze urgenze ordinarie. Chiediamo pertanto, ad ognuno per quanto di competenza, un’adeguata e necessaria attenzione, di attuare provvedimenti urgenti per consentire anche ai cittadini di questo vasto comprensorio di poter disporre di cure adeguate, nonché l’immediata attivazione e potenziamento dei servizi ospedalieri, peraltro già previsti. Allo stesso qual modo è indispensabile e non più procrastinabile ormai avviare le procedure per l’appalto del ripristino delle sale operatorie. Si chiede, infine, un incontro urgente per meglio pianificare e programmare gli interventi”.

Vincenzo La Camera

 

 

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *