Redazione Paese24.it

Didattica a distanza. Il tablet agli studenti lo consegnano i Carabinieri Forestali

Didattica a distanza. Il tablet agli studenti lo consegnano i Carabinieri Forestali
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

I militari dipendenti dal Gruppo Carabinieri Forestale di Cosenza hanno iniziato la consegna di Tablet e PC per la formazione a distanza degli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “Garibaldi-Alfano-Da Vinci“ di Castrovilllari. Così si è data la possibilità in questo particolare momento di emergenza di concedere agli alunni che necessitano e che ne hanno fatto regolare richiesta, dotazioni informatiche di proprietà della Scuola in comodato d’uso gratuito. L’IIS “Garibaldi-Alfano-Da Vinci- da giorni si è dunque attivato al fine di potersi  attrezzare opportunamente  garantendo il servizio a chi ne avesse dichiarata necessità e grazie al supporto dei Carabinieri Forestale è riuscita a far consegnare il materiale elettronico nei diversi comuni dell’area cosentina dove sono residenti gli studenti aventi diritto: Acquaformosa, Castrovillari, Firmo, Altomonte, Corigliano, Villapiana, Francavilla Marittima, Frascineto, Morano Calabro, Mormanno, Spezzano Albanese, Terranova da Sibari e Trebisacce.

L’iniziativa realizzata  grazie alla sinergia e collaborazione tra la dirigente scolastica ed il Gruppo Carabinieri Forestale di Cosenza ha così potuto consentire agli studenti di poter continuare la loro attività da casa grazie all’ausilio degli strumenti informatici ed inoltre ha dato la possibilità, grazie alla consegna porta a porta dei militari (nella foto), di rispettare quelli che sono le direttive emanate dal Decreto per cui non c’è stato bisogno del ritiro del bene presso la scuola che avrebbe sicuramente comportato diverse problematiche. A tal riguardo la Dirigente Scolastica Elisabetta Cataldi ha espresso il suo apprezzamento e il sentito ringraziamento all’Arma Forestale che, “con comprovato slancio umano e professionale, ha inteso offrire un tangibile e concreto aiuto alle famiglie coinvolte, molte delle quali domiciliate in paesi del comprensorio”.

Redazione

 

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *