Redazione Paese24.it

Castrovillari. «Fase 2 iniziata in maniera scriteriata»

Castrovillari. «Fase 2 iniziata in maniera scriteriata»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Prudenza e responsabilità. Non ha invocato altro il Ministero della Salute, alla vigilia della fase 2, che oggi (4 maggio) ha, di fatto, avviato un graduale allentamento del lockdown contro il Coronavirus. Ma a fare un primo bilancio della giornata è il sindaco di Castrovillari, Mimmo Lo Polito, il quale, ancora una volta mette in guardia i cittadini, forse troppo entusiasti di rituffarsi quanto prima nella quotidianità, rivolgendosi, soprattutto, ai genitori. «I figli minori – precisa – hanno la possibilità di uscire ma sempre con la compagnia di un genitore. Invece, oggi tanti minori erano fuori da soli, a piedi, in bici, in motorino. Le forze dell’ordine – avvisa il sindaco – per ora mi hanno solo segnalato, da domani interverranno, per come la norma impone. Non è prudente, oltre che vietato, che i figli minori ritornino alla situazione del passato, perché siamo ancora in piena pandemia. È soltanto iniziata una fase di verifica, di attesa, per vedere se passare alla fase 3 oppure ritornare alla fase 1».

«La fase 2 è iniziata in maniera scriteriata – conclude Lo Polito – soprattutto per responsabilità di alcuni di noi genitori che non riescono a controllare, anzi a tutelare, i propri figli».

Intanto, continua lo screening sui contatti del paziente castrovillarese risultato positivo. E’ di qualche ora fa l’annuncio del primo cittadino sulla negatività di altri 30 tamponi effettuati sabato su un’altra parte del personale ospedaliero, qualche paziente e alcuni dipendenti della ditta di servizi esterni.

Anche a Cosenza e a Corigliano-Rossano la situazione è risultata troppo “vivace” per essere appena usciti da un lockdown. Ad invocare cautela è anche il dirigente medico dell’Asp di Cosenza, Martino Rizzo. «Adesso recupereremo, ma non è possibile che vogliamo rifarci in una volta. Tutto e subito non è cosa. Il virus è ancora tra noi, e ci resterà a lungo. Perciò recupereremo, ma col tempo, gradatamente: non è cambiato niente rispetto a ieri. Ci siamo salvati perché abbiamo rispettato le misure di distanziamento, non sprechiamo tutto adesso».

Federica Grisolia

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *