Redazione Paese24.it

Oriolo, la maggioranza perde “un pezzo”. All’opposizione si costituisce il gruppo dell’Udc

Oriolo, la maggioranza perde “un pezzo”. All’opposizione si costituisce il gruppo dell’Udc
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Una panoramica del centro abitato di Oriolo

L’Udc entra nel consiglio comunale di Oriolo. Si è costituito, infatti, in queste ore, il gruppo consiliare di minoranza facente capo allo scudocrociato e al quale hanno aderito i consiglieri di opposizione Vincenzo Brancaccio e Franco Cirò, già esponente del partito di Casini, che saranno affiancati da Giuseppe Diego, fuoriuscito per l’occasione dai ranghi della maggioranza per aderire al neonato gruppo consiliare di minoranza. Perde dunque un pezzo la squadra del sindaco Franco Colotta, ma può vantare ancora un vantaggio di 8 a 5 (compreso il primo cittadino) nei confronti dell’altra barricata del consiglio comunale. Lo stesso ingegnere Cirò sarà il capogruppo della nuova compagine consiliare. L’operazione è stata comunicata oltre che al sindaco e a tutto il consiglio comunale della cittadina dell’entroterra jonico, mediante una lettera, anche al segretario provinciale del partito Gino Pagliuso.

«Ci collocheremo in minoranza e saremo interpreti di posizioni unitarie – fanno sapere i tre -. Saremo aperti al confronto senza pregiudizi sui problemi del paese. Particolare attenzione – continuano – sarà riservata, in chiave politica, anche alla crescita della locale sezione e ai programmi del partito». Il progetto politico è stato “benedetto” anche dal consigliere regionale Gianluca Gallo che ha partecipato nei giorni scorsi ad una riunione in merito e ha fatto capolino, assieme al deputato e amico di partito Mario Tassone, sempre pochi giorni fa, anche all’intitolazione di un laboratorio scolastico al compianto ex sindaco di Oriolo, Dc, Peppino Basile. L’Udc cerca dunque di radicarsi nel comune dell’Alto Jonio cosentino gettando le basi per una futura collaborazione tra gli esponenti locali e quelli sovra comunali. «La possibilità di interloquire direttamente con la Regione attraverso i nostri rappresentanti istituzionali, e soprattutto attraverso il consigliere regionale Gallo – commentano Brancaccio, Cirò e Diego – garantirà nuove importanti opportunità per la nostra comunità, assicurando l’apertura di un canale di collegamento diretto che si rivelerà decisivo soprattutto nell’ambito della promozione del comparto agricolo come di quello culturale e dei servizi, elementi tutti sui quali si gioca il futuro di Oriolo della cui costruzione intendiamo essere tra i protagonisti».

Vincenzo La Camera

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *