Redazione Paese24.it

Coronavirus in Calabria. Cresce il focolaio di Cosenza. «Sospetto caso sullo Ionio»

Coronavirus in Calabria. Cresce il focolaio di Cosenza. «Sospetto caso sullo Ionio»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

In Calabria ad oggi sono stati effettuati 107.621 tamponi. Le persone risultate positive al Coronavirus sono 1.238 (+7 rispetto a ieri su 944 tamponi effettuati), quelle negative sono 106.412.

Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

– Catanzaro: 3 in reparto; 2 in isolamento domiciliare; 183 guariti; 33 deceduti.

– Cosenza: 16 in isolamento domiciliare; 435 guariti; 34 deceduti.

– Reggio Calabria: 2 in reparto; 19 in isolamento domiciliare; 257 guariti; 19 deceduti.

– Crotone: 2 in isolamento domiciliare; 113 guariti; 6 deceduti.

– Vibo Valentia: 2 in isolamento domiciliare; 78 guariti; 5 deceduti.

Il totale dei casi di Catanzaro comprende soggetti provenienti da altre strutture e province che nel tempo sono stati dimessi.

I sei casi rilevati all’Azienda Ospedaliera di Cosenza, sono riconducibili al focolaio di Cosenza. Cinque di questi (3 adulti e due minori) sono residenti nel comune di Castrolibero (Cs). Quattro fanno parte dello stesso nucleo familiare. Persone tutte asintomatiche e anch’esse provenienti dal Senegal come i soggetti di Cosenza città. Castrolibero – dichiarano dal Comune – sino a questo momento non aveva registrato nessun caso di Coronavirus. E comunque, il nuovo focolaio di Cosenza, partito da un tampone positivo ad una bimba di quattro anni, di origini senegalesi, ha prodotto al momento 15 casi di positività al Coronavirus. Il caso rilevato a Catanzaro è frutto dell’attività di screening sui rientri.

Le persone decedute vengono indicate nella provincia di provenienza e non in quella in cui è avvenuto il decesso. Dall’ultima rilevazione, le persone che si sono registrate sul portale della Regione Calabria per comunicare la loro presenza sul territorio regionale sono in totale 10.523.Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro e ormai dimessi da diversi giorni perché guariti, mentre non sono compresi i numeri del contagio pervenuti dopo la comunicazione dei dati alla Protezione Civile Nazionale.

Intanto l’Asp di Cosenza interviene per mettere fine ad insistenti voci di corridoio su presunti nuovi casi positivi in qualche comune dello Ionio Cosentino. «In questo territorio non c’è nessun nuovo caso», il chiarimento dell’Azienda Sanitaria tramite il dottor Martino Rizzo. «C’è un sospetto, in isolamento volontario – dice Rizzo -, a cui verrà effettuato il tampone lunedì».

Vincenzo La Camera

 

 

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *