Redazione Paese24.it

Villapiana. Dopo il tutor, arriva anche lo “scout speed”. «Questo non è buon governo»

Villapiana. Dopo il tutor, arriva anche lo “scout speed”. «Questo non è buon governo»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Arriva l’estate e sulle vie cittadine di Villapiana fa la ricomparsa, come per miracolo, il famigerato “Scout Speed”, cioè l’autovelox, questa volta non a postazione fissa ma in modalità dinamica. Questo aggeggio, studiato più che altro per consentire ai Comuni di fare cassa, collocato a bordo di un’auto-civetta e senza l’obbligo di essere segnalato, originariamente era stato impiegato sulla S.S. 106 Bis dove era facilmente segnalabile, oggi invece viene delocalizzato dalla sua sede originaria e utilizzato sulle strade del territorio comunale, in particolare sulla vecchia S.S. 106 dove i limiti di velocità sono molto stringenti e dove sfociano diverse strade laterali con svincoli a raso. Vittime gli automobilisti, ma anche i veicoli non revisionati o privi di assicurazione.

E d’estate, come è facile immaginare, ne fanno le spese soprattutto gli ospiti-turisti, per lo più inconsapevoli di questa ulteriore trappola tesa dal Comune di Villapiana. Un marchingegno infernale, dunque, quest’ultimo, frutto di un accordo tra il Comune e una società di Catania che, come è noto, si affianca all’altro famelico Autovelox-Tutor per il controllo della velocità media che è in servizio permanente effettivo sulla S.S. 106 Bis e che, come sostiene nella lunga nota di commento ai lavori dell’ultimo Consiglio Comunale la Minoranza Consiliare “Uniti per Villapiana”, consente al Comune di di Villapiana di incassare qualcosa come 3milioni di euro all’anno. Una somma, quest’ultima che, sempre secondo la suddetta nota, rappresenta la cifra-attiva più consistente di tutto il bilancio comunale. Ma oltre a contestare l’opportunità e la regolarità dello “Scout Speed”, la stessa Minoranza ha chiesto agli amministratori in carica di “rendicontare” i copiosi ricavi derivanti dai due Autovelox e la destinazione delle somme che, come è noto, sono a destinazione vincolata. Spendibili, quindi, solo per aumentare il livello di sicurezza della circolazione stradale e per lavori di miglioria e adeguamento delle strade comunali e intercomunali che, sempre secondo la suddetta Minoranza, lasciano molto a desiderare e non di rado mettono a rischio l’incolumità delle persone.

«La sicurezza della circolazione veicolare – si legge nella nota della Minoranza “Insieme per Villapiana” – va realizzata con interventi di miglioramento generale delle condizioni del manto stradale delle strade cittadine, che vanno dotate di sufficiente illuminazione, di manutenzione del verde, di segnaletica orizzontale e verticale e di gard-rail adeguati, perché tutto contribuisce ad aumentare la sicurezza dei cittadini. Fare multe con gli autovelox fissi e mobili solo per fare cassa e per coprire gli sperperi di denaro pubblico – conclude infine la Minoranza – non è prova di buon governo, soprattutto quando questi provvedimenti vengono attuati con procedure poco chiare e poco trasparenti».

Pino La Rocca

Condividilo Subito

2 Responses to Villapiana. Dopo il tutor, arriva anche lo “scout speed”. «Questo non è buon governo»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *