Redazione Paese24.it

Trebisacce. «Disinteresse politico verso ospedale. Sindaci devono ribellarsi assieme alla gente»

Trebisacce. «Disinteresse politico verso ospedale. Sindaci devono ribellarsi assieme alla gente»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Sanità: i medici e gli infermieri che vanno in quiescenza per aver raggiunto i limiti anagrafici devono essere sostituiti perchè non si possono sguarnire quei pochi servizi ancora attivi a causa del fisiologico pensionamento del personale medico e para-medico. Non si può, quindi, dilatare ulteriormente il deserto sanitario che contraddistingue l’Alto Jonio Cosentino. Oltre il fiume Crati, infatti, chiusa dapprima la clinica di Sibari e successivamente l’Ospedale di Trebisacce, non esistono altre strutture sanitarie, né pubbliche né private, se non quello che rimane dell’Hospice di Cassano Jonio e dell’ex Ospedale di Trebisacce. A sollevare il grave problema del progressivo depauperamento dei servizi sanitari nel Comprensorio dell’Alto Jonio e nell’area del cassanese sono stati i Delegati Sindacali della Cisl F. P. Antonio Ramundo, Domenico Pucci e Antonio Brunetti.

«Lo strabismo e il perdurante disinteresse della politica sanitaria regionale e dei vertici dell’Asp di Cosenza – hanno dichiarato all’unisono i tre sindacalisti della Cisl f. p. – non sono più tollerabili: ne va di mezzo il diritto fondamentale alla tutela della salute delle popolazioni locali che ogni giorno di più perdono la fiducia nelle Istituzioni perché costrette a quotidiani disagi provocati dagli spostamenti per andare alla ricerca di strutture pubbliche e private, gran parte delle quali si trovano in Basilicata e in Puglia, facendo così crescere la spesa sanitaria passiva che va ad arricchire le regioni limitrofe». A questo punto, sostengono i sindacalisti della Cisl f. p. interpretando malcontento della gente, sarebbe opportuno riprendere la battaglia per abbandonare la matrigna Calabria e lavorare per l’annessione dell’Alto Jonio alla Basilicata. Una tesi, questa, che può sembrare una provocazione, ma che ha una sua legittimità anche a ragione delle numerose affinità storiche e antropologiche che accomunano le popolazioni dell’Alto Jonio e dell’Alto Tirreno alla Basilicata.

I continui e normali pensionamenti verificatisi negli ultimi anni presso il CIM (centro di salute mentale), presso il Consultorio Familiare, presso il Pronto Soccorso, in tutti i servizi ospedalieri e diagnostici, nella Lungodegenza, nel Poliambulatorio, nella Dialisi e negli uffici amministrativi hanno praticamente decimato la presenza di medici e infermieri, scaricando il peso del servizio sui pochi operatori rimasti ancora in servizio e, soprattutto, riducendo drasticamente la quantità e la qualità dei servizi resi alle popolazioni locali. «Gli esempi più eclatanti di questa situazione – hanno osservato Brunetti, Pucci e Ramundo citando i casi più emblematici – sono rappresentati dalla scomparsa degli Anestesisti dal Pronto Soccorso che insieme all’assenza di un Cardiologo h/24 lo rende sempre più simile a un PPI (punto di primo intervento) e sempre meno a un Pronto Soccorso e dalla mancata nomina di un Diabetologo la cui assenza, dopo il pensionamento del dr. Staglianò dura ormai da qualche anno nonostante i solleciti e le proteste di tanti pazienti di questa patologia così diffusa, tutti costretti ai soliti viaggi della salute, oppure ad appoggiarsi e quindi ad ingolfare l’Ambulatorio dell’Endocrinologo che teoricamente dovrebbe fare ben altro. Fatto sta che, – concludono i tre Sindacalisti della Cisl f. p. richiamando anche le responsabilità dei Dirigenti-Medici dello Spoke di Castrovillari a cui è collegato il “Chidichimo” – col passare dei giorni, nonostante il continuo avvicendamento ai vertici dell’Asp di Cosenza, la situazione diventa sempre più grave e insopportabile per cui invitiamo i Sindaci del Comprensorio a fare squadra, a ribellarsi e, se necessario, a ritornare sulle barricate insieme alle popolazioni locali».

Pino La Rocca

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *