Redazione Paese24.it

Trebisacce. Sospeso mercato di agosto. Ambulanti sul piede di guerra

Trebisacce. Sospeso mercato di agosto. Ambulanti sul piede di guerra
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Ambulanti sul piede di guerra in seguito all’ordinanza del sindaco di Trebisacce che sospende il tradizionale mercato mensile in programma l’ultima domenica del mese che ad agosto cade nel giorno 30. La sospensione, per il momento, solo dell’appuntamento di agosto si è resa necessaria – da quanto si legge sull’ordinanza a firma del primo cittadino, Franco Mundo – in seguito ad un aumento dei contagi da Covid-19 sul territorio nazionale che fotografano una situazione differente rispetto a quella di luglio, mese in cui il mercato si è svolto regolarmente.

Ma CasAmbulanti, il Comitato Autonomo degli Ambulanti Italiani non ci sta, facendosi portavoce soprattutto dei tanti commercianti che giungono a Trebisacce dalla vicina Puglia e che risultano concessionari dei posteggi. «Una decisione, quella del sindaco di Trebisacce che costituirebbe un precedente drammatico, in un contesto locale che non indurrebbe neppure a tale forma di preoccupazione visto il numero quasi insignificante di casi registrati, che neppure vengono citati in ordinanza», scrive Savino Montaruli di CasAmbulanti. Che continua: «Il sindaco di Trebisacce manifesta la sua preoccupazione per i numerosi avventori che, solo potenzialmente, potrebbero giungere durante il mercato mensile. Saremmo davvero curiosi di conoscere in qual uguale misura egli si stia preoccupando per altre forme di aggregazione e di possibili assembramenti estivi e quali provvedimenti siano stati assunti nella fattispecie, a meno che non abbia disposto anche la chiusura di lidi e stabilimenti balneari, strutture ricettive e tutte le altre forme di economia e manifestazioni pubbliche».

Montaruli lascia intendere che gli ambulanti, lesi nei loro diritti, potrebbero non restarsene con le mani in mano. «Se è vero che il sindaco ha facoltà di adottare provvedimenti di questa natura, a tutela della salute pubblica ma non in modo discriminante – scrive Montaruli dall’ufficio di coordinamento di CasAmbuanti Italia –  è altresì vero che potrebbe essere chiamato a risponderne direttamente dei danni cagionati ai concessionari di posteggio in caso di azione da parte di questi ultimi, dal momento che questa attività non è sospesa o soppressa da provvedimenti governativi nazionali, come invece accaduto per le discoteche». Infatti, senza giri di parole, viene chiesto al sindaco Mundo e ad altri sindaci che eventualmente adotteranno simili provvedimenti, di risarcire direttamente gli ambulanti. «Invitiamo il sindaco Mundo – conclude Montaruli – al quale abbiamo inviato formale lettera, al ritiro immediato del provvedimento consentendo il regolare svolgimento del mercato mensile in programma per il giorno domenica 30 agosto 2020 a Trebisacce. Da parte nostra garantiamo la massima collaborazione per contemperare il Diritto al Lavoro con quello alla Salute. Al Prefetto di Cosenza, raggiunto dalla medesima lettera, chiediamo di intervenire facendo rispettare le disposizioni del Governo, evitando tensioni sociali recependo le raccomandazioni del Ministro dell’Interno Lamorgese».

Vincenzo La Camera

 

Condividilo Subito

One Response to Trebisacce. Sospeso mercato di agosto. Ambulanti sul piede di guerra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *