Redazione Paese24.it

Processare tamponi Covid a Castrovillari. «Incomprensibile come questa ipotesi non venga considerata»

Processare tamponi Covid a Castrovillari. «Incomprensibile come questa ipotesi non venga considerata»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

La possibilità – già da tempo evidenziata e sollecitata – di includere il Laboratorio Analisi dell’Ospedale Spoke di Castrovillari tra i Centri deputati all’esecuzione dei test per la diagnosi di COVID 19, è stata recentemente segnalata alle competenti Autorità, sanitarie e politiche, dal Comitato delle Associazioni (Associazione Famiglie Disabili (AFD), Associazione Medici Cattolici (AMCI), Associazione Volontari Italiani Sangue (AVIS), Associazione Volontari Ospedalieri (AVO), Associazione Amici del Cuore, Associazione Non Più Soli Nella Lotta Contro I Tumori, Associazione Solidarietà e Partecipazione).

Infatti, mentre da una parte la progressiva gravità dell’andamento pandemico richiede uno sforzo massimale della sanità calabrese per individuare i soggetti portatori e i pazienti affetti da Covid 19, dall’altra sono proprio le carenze organizzative e strutturali che hanno fatto includere la nostra regione tra quelle a maggior rischio in Italia, nonostante il numero dei contagiati non sia elevatissimo. C’è da aggiungere come diversi medici addetti ai lavori denuncino da tempo preoccupanti ritardi nel processamento dei tamponi che in Calabria stanno in pratica mandando in tilt i tracciamenti dei contatti dei contagiati, azione necessaria per arginare il virus.

“Essendo il Laboratorio Analisi dell’Ospedale di Castrovillari dotato di professionalità assolutamente competenti e adeguate alle attuali straordinarie necessità – dichiarano le scriventi associazioni – appare incomprensibile come lo stesso non sia ancora incluso tra i Centri abilitati a fornire queste prestazioni che potrebbero essere facilmente implementate. Come Comitato – continuano –  diamo piena disponibilità all’Amministrazione di Castrovillari e agli altri Destinatari della nota da noi ufficialmente inviata il 30 ottobre, a contribuire, con le nostre competenze oltre che con la massima applicazione, alle iniziative che si vorranno adottare per adeguare l’Ospedale Spoke di Castrovillari alle urgenti necessità sanitarie della popolazione dell’intero comprensorio.

Redazione

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *