Redazione Paese24.it

Calabria. Sciolto Consiglio Regionale dopo morte Santelli. Ma elezioni slittano causa Covid

Calabria. Sciolto Consiglio Regionale dopo morte Santelli. Ma elezioni slittano causa Covid
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Si è sciolto il Consiglio regionale della Calabria che potrà riunirsi soltanto per provvedimenti urgenti ed indifferibili. E’ stato il presidente dell’Assemblea, Domenico Tallini, a conclusione di una seduta iniziata alle 17 di ieri (martedì), a congedare i consiglieri. Si è trattato dell’atto formale che conclude la legislatura dopo la morte prematura della presidente Jole Santelli. Al termine dell’assemblea in aula c’erano solo i consiglieri di maggioranza. Così come annunciato, quelli di minoranza hanno abbandonato l’aula dopo l’approvazione della legge che introduce la doppia preferenza di genere anche in Calabria ad eccezione di Flora Sculco (Democratici Progressisti), rimasta in aula per “votare – ha spiegato – determinati provvedimenti”. Tra gli altri punti discussi ed approvati la proposta di legge riguardante l’abrogazione dell’istituto delle primarie per la selezione di candidati alla elezione di Presidente della Giunta regionale.
Prima della conclusione, il Consiglio ha preso atto della scelta della Giunta regionale, “come segno tangibile da condividere e accogliere”, di intitolare la Cittadella regionale alla Presidente Jole Santelli. In chiusura il Consiglio ha deliberato la presa d’atto della morte della Presidente e Tallini, dopo il ricordo della Santelli, ha congedato i consiglieri.

A questo punto, i cittadini, di norma, dovrebbero tornare a votate entro 60 giorni dalla scioglimento del Consiglio Regionale e quindi al massimo entro la metà di gennaio. Ma il Consiglio dei Ministri vista la particolare situazione di emergenza sanitaria che vede, nella fattispecie, la Calabria in “Area Rossa” ha optato per un rinvio delle Elezioni Regionali, collocandole in una data tra il 10 febbraio e il 15 aprile 2021. Questo provvedimento è stato inserito nella proroga del commissariamento della Sanità in Calabria (il Decreto Calabria) cha va avanti da undici anni senza ottenere risultati. Al momento come nuovo commissario ad acta per la Sanità calabrese è stato nominato Giuseppe Zuccatelli in sostituzione del dimissionario Saverio Cotticelli. Ma non è escluso che nelle prossime ore si possano verificare dei dietrofront.

v.l.c.

Condividilo Subito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *