Redazione Paese24.it

Rossano. «Chiudere reparto Coronavirus. A Trebisacce e Cariati i Covid Hospital»

Rossano. «Chiudere reparto Coronavirus. A Trebisacce e Cariati i Covid Hospital»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

“Non volevamo essere Cassandra quando in tempi non sospetti, nell’aprile scorso, sostenevamo che il Polo Covid dello spoke di Corigliano-Rossano avrebbe potuto rappresentare la pietra tombale della sanità pubblica della Sibaritide. E così purtroppo è stato. Il presidio “Giannettasio” di Rossano dopo l’attivazione del reparto per malati di coronavirus è diventato un covo di infezione. Una vera e propria bomba sanitaria senza controllo. Si sono moltiplicati i contagi e non passa giorno, ormai, che non vengano fuori casi di pazienti, di medici ed infermieri che si positivizzano”. Lo sostengono i consiglieri di minoranza di Corigliano-Rossano: Vincenzo Scarcello, Raffaele Vulcano e Gennaro Scorza per il gruppo consiliare “Unione di Centro”; Adele Olivo per il gruppo consiliare “Il Coraggio di Cambiare l’Italia”; Costantino Baffa per il gruppo consiliare “Lega Salvini”; Luigi Promenzio per il gruppo consiliare “Civico Popolare”; Rosellina Madeo per il gruppo consiliare “Fiori d’Arancio”; Francesco Madeo per il gruppo consiliare “Gente di Mare”; Aldo Zagarese  per il gruppo consiliare “Partito Democratico”

“Ormai è chiaro anche alle pietre: il Polo Covid del “Giannettasio” deve essere subito chiuso e trasferito altrove. Oggi non facciamo altro – dichiarano – che ribadire una volontà unanime dei cittadini. E siamo consapevoli che sull’inopportunità di un reparto così complesso e strutturalmente così poco organizzato siano d’accordo anche pezzi della maggioranza.

Secondo i consiglieri di minoranza della Città Unica bisognerebbe puntare alla riapertura degli ospedali di Cariati e Trebisacce da destinare, per il momento, a Covid Hospitali. “Serve subito fare pressione, in modo unanime e convinto – dicono – sull’Asp di Cosenza. Solo così potremmo “bonificare” gli ospedali spoke e renderli nuovamente fruibili ai tantissimi cittadini affetti da altre patologie che non si recano più nelle strutture sanitarie per paura di essere infettati dal Covid.

Vincenzo La Camera

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments