Redazione Paese24.it

Amendolara. Sindaco scrive al Governo e alla Regione per stabilizzazione Lsu-Lpu

Amendolara. Sindaco scrive al Governo e alla Regione per stabilizzazione Lsu-Lpu
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Con una Delibera di Giunta di lunedì, l’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Antonello Ciminelli ha chiesto di mantenere le 26 ore settimanali per i lavoratori ex Lsu-Lpu (ad Amendolara 27 + 10) ed ex abrogato articolo 7 (1 lavoratore) anche in sede di stabilizzazione, con la necessaria conferma del finanziamento erogato dal 2015. La copia della seguente deliberazione è stata inviata al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Vice Presidente della Regione Calabria, al Dipartimento della Funzione Pubblica, al Ministro del Lavoro, all’Assessore Regionale al Lavoro, ai Comuni del Comprensorio e alle Organizzazioni Sindacali Territoriali.

«Considerato che la Regione Calabria – si legge nella Delibera di Giunta consultabile sull’Albo Pretorio online del Comune – ha stanziato la somma di € 13.096,22 per la stabilizzazione dei Lavoratori di Pubblica Utilità (LPU); rilevato che la somma di € 13.096,22 imporrebbe la riduzione dell’attività lavorativa degli stessi dalle attuali 26 ore settimanali a 16 ore settimanali con inevitabile compromissione dei servizi erogati dal Comune grazie all’apporto dei suddetti lavoratori, stanti le esigue disponibilità di bilancio; ritenuto di dover perseguire ad ogni costo l’obiettivo del mantenimento delle 26 ore settimanali per questi lavoratori anche nella trasformazione del loro rapporto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato; rilevato che è inspiegabile che il finanziamento statale e regionale che dal 2015 ha garantito le 26 ore settimanali venga, in sede di stabilizzazione, decurtato a tal punto da ridurre le stesse a 16 ore settimanali; ben 10 ore in meno per lavoratore».

Per questi motivi il Comune di Amendolara, ancora una volta è sceso in campo per tutelare i diritti dei lavoratori e lo stesso sindaco Ciminelli ha ribadito nel corso del Consiglio Comunale di giovedì sera la ferma volontà dell’Amministrazione Comunale di voler procedere alla stabilizzazione di tutti i suddetti lavoratori, nessun escluso. «Dove sono finiti i sindacati nella battaglia per questi lavoratori precari da una vita e per la cui assunzione addirittura si prospettano fantomatici concorsi? Come si può soltanto pensare di assumere una persona, mediante procedura concorsuale, dopo venticinque anni di precariato. A differenza dei sindacati – e mi assumo la responsabilità di quanto dico – che hanno abbandonato questi lavoratori, l’Amministrazione Comunale di Amendolara – ribadisce il sindaco – è stata e sempre sarà al fianco di queste categorie che oggi, in assenza di concorsi, garantiscono l’erogazione di fondamentali servizi per i cittadini». Nel corso del Consiglio Comunale anche la Minoranza si è mostrata sensibile alla tematica chiedendo di convocare un’assise ad hoc per meglio discutere della questione.

Redazione

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments