Redazione Paese24.it

Trivellazioni. Sindaco di Amendolara: «Governo approfitta del Covid per fare interessi delle multinazionali»

Trivellazioni. Sindaco di Amendolara: «Governo approfitta del Covid per fare interessi delle multinazionali»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Il Comune di Amendolara interviene con decisione e tempestività all’indomani dell’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri del Decreto così detto “Milleproroghe” dal quale, con un vero e proprio colpo di spugna, viene cancellata la norma che avrebbe dovuto prevedere il blocco delle trivellazioni in mare e su terra terra.

A sollevare una lecita preoccupazione – denunciando l’ennesimo scivolone del Governo che approfitta dell’emergenza sanitaria per sancire pericolosi via libera per multinazionali del profitto a scapito dell’ambiente – è il sindaco di Amendolara, Antonello Ciminelli. Il primo cittadino del “Paese delle Mandorle e della Secca” non è nuovo a queste battaglie in difesa dell’ambiente, facendosi portavoce dei diritti della natura e del benessere dei cittadini anche in periodi come questi dove l’attenzione mediatica è calamitata verso un unico argomento. «Con il mancato divieto delle trivellazioni – sostiene il sindaco – potrebbero ricomparire quei mostri d’acciaio nei nostri mari». Infatti, da febbraio le trivelle ricominceranno il loro lavoro al largo delle coste del Mediterraneo alla ricerca di gas e petrolio. C’è imbarazzo nel Movimento Cinque Stelle, sinora sempre contrario a questa politica ma che adesso vede due ministri “grillini” e cioè Costa all’Ambiente e Patuanelli allo Sviluppo Economico che ancora non hanno delineato un vero piano per le aree idonee lasciando così il Mediterraneo in balìa dei petrolieri.

«Di fronte a tutto ciò un comune come quello di Amendolara non può assolutamente voltarsi dall’altra parte – tuona il sindaco “NO TRIV” Antonello Ciminelli. Abbiamo fatto della Blue Economy la nostra bussola amministrativa: una stazione zoologica tra le più importante d’Europa già attiva; un progetto pilota come quello dei massi a mare contro la pesca a strascico già a regime; un ripascimento in atto che ci consentirà quest’estate di godere di una spiaggia mai vista prima e per non parlare della Secca che caratterizza il nostro paese in tutto il Mondo. Ecco perché non possiamo tacere di fronte ad un Governo che non tutela l’ambiente ed i nostri mari. Anzi, approfitta di una distrazione di massa dovuta ad una problema serio come la pandemia per far scivolare sotto traccia celate autorizzazioni a chi vuole fare profitto con le nostre bellezze naturali». Il sindaco di Amendolara promette battaglia qualora questa situazione non venisse sanata. «Seguiremo con attenzione la vicenda – dichiara Ciminelli -. In vista di questo atteso periodo di rinascita che ci attende, non possiamo mettere a repentaglio lo sviluppo ambientale e turistico della nostra bella Italia».

Redazione

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments