Redazione Paese24.it

“Un albero per il futuro”. Le piante dei piccoli allievi per un “bosco diffuso”

“Un albero per il futuro”. Le piante dei piccoli allievi per un “bosco diffuso”
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

“Un albero per il futuro”. E’ questo il progetto nazionale di educazione ambientale promosso dal Comando per la Tutela della Biodiversità e dei Parchi dell’Arma dei Carabinieri. Un progetto inteso ad avvicinare e sensibilizzare i giovani al patrimonio naturale del nostro paese e al valore della conservazione della nostra terra, anche mediante il coinvolgimento di scuole, comuni e partner che intendono condividere e partecipare fattivamente alla lodevole iniziativa.

L’iniziativa prevede la messa a dimora di alcune tipologie di piante, volutamente autoctone  in diverse parti di Italia al fine di realizzare  un grande bosco diffuso per unire, da nord a sud unitamente alle isole, in un unico grande polmone verde,  legalità e ambiente. Dal 20 al 22 aprile i militari del Reparto Carabinieri biodiversità di Cosenza, comandati dal Tenente Colonnello Gaetano Gorpia, hanno presentato il progetto all’Istituto Comprensivo di Cropalati, comprendente i plessi di PaludiCaloveto, dalla materna alla scuola secondaria di primo grado, coinvolgendo complessivamente più di 180 alunni e mettendo complessivamente  a dimora 100 piante nei rispettivi tre comuni.

Gli altri comuni le cui scuole saranno interessate nelle prossime settimane al progetto sono Mirto, Mandatoriccio, Belmonte, Castrovillari e S.Giovanni in Fiore. L’iniziativa, cui hanno presenziato autorità civili e religiose, ha rappresentato, ancor di più per questo delicato momento dovuto alla pandemia,  una emozionante esperienza di socialità, un virtuale azzeramento di quella distanza imposta, ulteriormente arricchita dall’alto valore etico della sua finalità e dalla partecipazione della preziosa giovane generazione.

Redazione

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments