Redazione Paese24.it

Rossano. Al Museo Diocesano la cerimonia per lo sfoglio del Codex

Rossano. Al Museo Diocesano la cerimonia per lo sfoglio del Codex
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Emozionante cerimonia dello sfoglio del Codex, in occasione della manifestazione dal titolo: “La lunga notte delle chiese” in data 4 giugno 2021, alla presenza di diverse autorità. Il tema scelto per l’edizione 2021 è: “FRAGILI ed io avrò cura di te?”. Un interrogativo pieno di significato attorno a cui si vuole porre una profonda riflessione. Il Museo Diocesano di Rossano ha deciso di celebrare questa edizione riproponendo l’appuntamento dell’evento “Sfogliando il Codex”, una cerimonia prestigiosa e ormai attesa, che prevede l’apertura straordinaria della teca in cui è custodito il prezioso Evangelario con l’esposizione, al pubblico, di una nuova miniatura.

All’evento, dopo i saluti iniziali e gli interventi coordinati dalla dott.ssa Cecilia Perri (Vice-Direttore del Museo Diocesano), hanno preso parte il dott. Martino Rizzo (Direttore Sanitario ASP Cosenza), il dott. Sinibaldo Iemboli (Medico del 118), il dott. Romano Cassetti (Medico di base e Direttore Sanitario RSA di Campana) e Bina Sommario (Infermiera USCA). Ognuno di loro ha raccontato, nel corso dei rispettivi interventi, i momenti difficili vissuti in questo periodo di pandemia con l’aumento dei casi anche nella città di Corigliano-Rossano. Gli stessi relatori hanno voluto lanciare un appello a tutti i cittadini di vaccinarsi in modo tale da arrivare, al più presto, all’immunità di gregge e per ritornare alla normalità. Alla significativa cerimonia erano presenti, inoltre, S.E. Mons. Giuseppe Satriano (Amministratore apostolico dell’Arcidiocesi di Rossano-Cariati), don Giuseppe Straface (Direttore del Museo Diocesano e Vicario Generale della Diocesi di Rossano-Cariati) e Donatella Novellis (Assessore alla città della Cultura e della Solidarietà del comune unico di Corigliano-Rossano).

La pagina scelta per lo sfoglio è quella della parabola del buon samaritano. Una parabola di Gesù, narrata nel Vangelo secondo Luca (10,25-37) che mette in risalto la misericordia e la compassione cristiana da mostrare verso il nostro prossimo, chiunque esso sia. Una scelta mirata per ringraziare quanti, medici ed infermieri, sono, tuttora, in prima linea per quanto riguarda l’emergenza Covid-19. Il padre Arcivescovo, nel ringraziare l’intero staff del Museo Diocesano per l’impegno e la grande professionalità, ha voluto impartire la sua benedizione a tutti i sanitari per il prezioso lavoro al servizio dei cittadini. Che Dio benedica loro nella vita e nel lavoro. Ricordiamo, inoltre, che il Museo Diocesano – custode del Codex Purpureus Rossanensis (Patrimonio dell’Unesco) che contiene i Vangeli di Matteo e Marco – dopo il lungo periodo di stop a causa della pandemia, è aperto regolarmente al pubblico.

Antonio Le Fosse

 

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments