Redazione Paese24.it

Villapiana. Il sindaco ci ripensa, niente Ecodistretto. E’ la vittoria della comunità

Villapiana. Il sindaco ci ripensa, niente Ecodistretto. E’ la vittoria della comunità
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

«I tempi non sono maturi» e il sindaco, a distanza di poche ore dalla richiesta inviata alla Regione di rinvio del “tavolo tecnico”, accoglie l’accorato appello delle forze politiche di Minoranza, del Comitato Civico, dei parroci della Chiesa locale e di gran parte della popolazione locale che in tutti i modi ha manifestato la propria contrarietà a un’opera del genere e rinuncia alla realizzazione dell’Ecodistretto nel comune di Villapiana per la gestione dei rifiuti della provincia. «Pur rimanendo convinto – ha scritto il primo cittadino nel corso della sofferta notte scorsa sulla pagina istituzionale del Comune a nome personale e dell’intera Amministrazione Comunale – dell’opportunità che avrei voluto/potuto offrire al mio paese, prendo atto che i tempi per un insediamento coraggioso come un Ecodistretto non sono maturi. Pertanto – ha aggiunto Paolo Montalti scatenando l’euforia generale – accolgo la volontà dei cittadini e dico, diciamo, NO all’Ecodistretto, comunicandolo direttamente all’Assessorato Regionale alla Tutela dell’Ambiente».

Poche parole, dunque, quelle del primo cittadino di Villapiana che, consapevole che “solo i cretini non cambiano idea”, ha dimostrato di saper ascoltare gli umori e i consigli della piazza ed ha sgombrato il campo da quello che stava diventando un vero incubo per i villapianesi e anche per i cittadini del Comprensorio che, ben sapendo che nell’aria come nel mare non ci sono confini e barriere insormontabili al possibile inquinamento, intravedevano nel mega-impianto dell’Ecodistretto un pericolo per l’ambiente e per l’ecosistema di tutta la Piana di Sibari che ha tutt’altra vocazione. Campane a festa, dunque, da questa mattina, su Villapiana e su tutta la Piana di Sibari e in particolare sui social che questa volta hanno fatto da cassa di risonanza ad una problematica di grande rilevanza ambientale, sociale, economica e anche culturale nella quale i cittadini di Villapiana, seppure con grande compostezza, hanno saputo protestare dimostrando equilibrio, senso civico e maturità. Certo, il problema dei rifiuti in Calabria e in particolare nella provincia di Cosenza rimane grave e sempre a rischio emergenza, ma non è giusto che a risolvere il problema debba essere un territorio marginale come la Piana di Sibari che ha ben altra conformazione geografica e ben altra vocazione. Resta infatti un’incognita e solleva non pochi interrogativi il fatto che l’Assemblea ATO abbia bocciato in tutta fretta e senza spiegazioni plausibili la soluzione del problema dell’Ecodistretto (territorio montano e scarsamente popolato di Grimaldi, a ridosso dell’Autostrada del Mediterraneo) individuata dal Commissario ad Acta Ing. Ida Cozza nominata apposta nel 2019 dall’ex Governatore Oliverio per superare l’inerzia dei sindaci stessi ed abbia invece promosso subito e a pieni voti il sito di Villapiana senza contare, peraltro, su uno straccio di studio di fattibilità. Ma questi sono argomenti su cui si continuerà a dibattere in futuro.

(nella foto il recente Consiglio Comunale sul tema)

Pino La Rocca

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments