Redazione Paese24.it

Nasce Comitato Liberi Cittadini Villapiana. «Dove sono gli atti ufficiali di rinuncia all’Ecodistretto?»

Nasce Comitato Liberi Cittadini Villapiana. «Dove sono gli atti ufficiali di rinuncia all’Ecodistretto?»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Ecodistretto: al via la nascita del “Comitato Liberi Cittadini Villapiana” per ribadire con forza il NO all’Ecodistretto e per sollecitare l’Amministrazione Comunale, guidata dal sindaco Paolo Montalti, a concretizzare con atti ufficiali la rinuncia ad ospitare una struttura del genere nel territorio di Villapiana. «Per il NO all’Ecodistretto – si legge nella nota diffusa dal Comitato subito essersi costituito ufficialmente – 1790 cittadini in massa hanno gridato NO all’Ecodistretto. Il Comitato Cittadino Spontaneo, il gruppo Raspa e finanche la Chiesa, – si legge ancora nella comunicazione del Comitato – con il loro impegno hanno esortato il popolo ad insorgere contro una valutazione scriteriata sia nelle modalità operative sia nella scelta stessa». Secondo i “liberi cittadini”, l’esecutivo comunale ha assunto ufficialmente e pubblicamente l’impegno a rinunciare a questo progetto ma  finora non avrebbe compiuto gli atti formali per chiudere in modo definitivo la questione.

«Ad oggi – si legge infatti nella comunicazione del Comitato – l’Amministrazione Comunale rimane ancora sorda e soprattutto reticente alle esplicite istanze popolari ed è proprio per questo motivo che, al fine di coadiuvare in modo organizzato e non competitivo una battaglia che ci vede tutti indistintamente coinvolti, informiamo tutti i cittadini che vorranno farne parte, che oggi, 10 agosto 2021, si è legalmente costituito il “Comitato Liberi Cittadini Villapiana” per dire NO all’Ecodistretto. Pertanto, si invita la cittadinanza volenterosa a contattare il Comitato al fine di sostenere gli obiettivi perseguiti dallo stesso comunicando la propria adesione». Ovviamente, secondo i rappresentanti di questa iniziativa popolare, questo nuovo Comitato non si limiterà ad una semplice protesta ma, sempre nel rispetto della legalità e nei modi il più civile possibile, assumerà iniziative formali per scongiurare questo progetto ritenuto dannoso e stridente con la vocazione turistica di Villapiana.

«Si precisa, infine, – si legge infatti nella parte conclusiva della suddetta nota – che lo scopo dell’istituito Comitato sarà quello di intraprendere tutte le azioni più idonee, sia amministrative sia popolari, dirette ad ottenere un riscontro legalmente valido alla mozione che sin dagli esordi 1790 cittadini hanno posto all’Amministrazione Comunale di Villapiana che, a tutt’oggi, risulta essere ancora indifferente e non interessata a dare rassicurazioni concrete alla propria comunità.

Pino La Rocca

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments