Redazione Paese24.it

San Severino Lucano. Apre i battenti il Museo della Scultura in Terracotta e della Maiolica

San Severino Lucano. Apre i battenti il Museo della Scultura in Terracotta e della Maiolica
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

A San Severino Lucano, sabato 30 ottobre, apre le porte il Museo della Scultura in Terracotta e della Maiolica d’Arte Moderna e Contemporanea. La vetrina espositiva è allocata nel Palafrido nella frazione di Mezzana, complesso strutturale che unisce un Polo Museale, la sala teatro e una ricca location per convegni e conferenze. La sala del Museo sarà intitolata allo scultore, pittore e ceramista Dino Vincenzo Patroni, autore dell’opera “CERVUS”, collocato all’ingresso del Palafrido nonché ideatore della famosa mostra di ceramica d’arte dal titolo “Kéramos in progress”, sempre nella stessa struttura e nel 2019 in occasione di Matera Capitale della Cultura Europea, alla quale parteciparono per invito artisti italiani e stranieri, affermati e/o emergenti perché sperimentatori ed innovativi in un settore d’arte, quello della ceramica, nobile come tutte le altre forme di arti visive.

“L’arte della ceramica – commenta il sindaco Franco Fiore –  ha avuto un ruolo importante nella nostra tradizione culturale, ha lasciato un segno originale ed indelebile nella nostra identità e memoria collettiva che oggi vogliamo rivalutare e rivitalizzare grazie alla realizzazione di questo museo. In un paese piccolo come il nostro, ma ricco di bellezze e tradizioni il modo migliore per costruire speranza è quella di partire dalla cultura e quindi dall’arte che ha fatto la storia del rapporto tra uomo e luoghi di vita e lavoro”. Il taglio del nastro è previsto per le 11.00, dopo i saluti del sindaco Fiore e dell’architetto Francesco Dattoli, responsabile del Palafrido, relazioneranno il prof. Aldo Gerbino, poeta, scrittore, critico d’arte e docente dell’Università degli Studi di Palermo e il prof. Claudio Di Benedetto, già Direttore della Divisione Collezioni e Servizi delle Gallerie degli Uffizi di Firenze.

Redazione

 

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments