Redazione Paese24.it

Calabria verso Zona Arancione. Covid corre veloce e il sistema arranca. IL PUNTO

Calabria verso Zona Arancione. Covid corre veloce e il sistema arranca. IL PUNTO
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Record di positivi al Covid-19 oggi in Calabria, ma anche tanti tamponi processati. Il bollettino odierno parla di 1.905 positivi a fronte di 13.194 tamponi. Le terapie intensive ospitano 29 malati di Covid in condizioni critiche; mentre 335 pazienti sono ricoverati nei reparti Covid della regione. Numeri record in tutto il Paese con l’ultimo bollettino che consegna oltre 170 mila contagi (tasso al 13,9%) e 259 vittime.

Ormai la variante Omicron è abbondantemente diffusa anche in Calabria e, secondo gli esperti, il livello di contagiosità risulta essere molto più alto delle precedenti varianti. Il vaccino resta uno scudo fondamentale, sicuramente contro la malattia grave. Ma in Calabria come in tutta Italia ancora oggi resiste una sacca di no vax (in tutto il Paese circa 6 milioni) che inevitabilmente “inquinano” l’area di sicurezza che si vorrebbe creare per isolare il virus. In Italia comunque ad oggi oltre venti milioni di persone hanno fatto la terza dose. In Calabria si susseguono i vax day (ossia le vaccinazioni aperte senza necessità di prenotazione). Ne è previsto uno nell’Alto Jonio Cosentino per domenica 9 gennaio nei centri di Oriolo e Rocca Imperiale (ore 9-13 e 15-19) dai 12 anni in su. Mentre a Trebisacce e Cassano allo Ionio vax day pediatrico dai 5 anni in su (ore 15-19). I vaccini disponibili restano Pfizer e Moderna a seconda della persona da vaccinare.

Nel frattempo con questi numeri abbinati ad una sanità carente, la Calabria rischia seriamente la Zona Arancione che potrebbe essere decretata venerdì per entrare poi in vigore lunedì 10 gennaio. In Calabria il tasso di occupazione dei posti letto del 15% è stato ampiamente superato giungendo al 31%. Insieme alla Calabria, a rischio Liguria e Valle d’Aosta in primis ma anche diverse altre regioni. Con la Zona Arancione tornano le regole per gli spostamenti tra comuni, limitati solo ai possessori di Green Pass.

Nel frattempo anche nei piccoli paesi il virus corre, alimentato dalla difficoltà di tracciare i contatti che si moltiplicano a vista d’occhio proprio per l’altra trasmissibilità della variante Omicron che fortunatamente, nella maggior parte dei casi e per i soggetti vaccinati, si estingue in pochi giorni e con lievi sintomi. Inoltre il groviglio di regole per la gestione delle quarantene tra positivi, contatti di positivi e contatti di contatti di positivi – con l’aggiunta della corsa al tampone rapido spesso senza criteri logici e scientifici – sembra non rispondere per niente bene generando molta confusione sia nei controllori che nei controllati. In Calabria, intanto, si torna a scuola lunedì 10 gennaio con il grande interrogativo sulla tenuta del sistema anti Covid.

Vincenzo La Camera

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments