Redazione Paese24.it

Alla Firenze Marathon taglia il traguardo un atleta di Saracena

Alla Firenze Marathon taglia il traguardo un atleta di Saracena
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Print Friendly, PDF & Email

Alla Firenze Marathon, che quest’anno è giunta alla 38° edizione, ha fatto registrare una prestazione di tutto rispetto anche l’atleta di Saracena, Vincenzo Mazzuca, della locale associazione Asd Podismo e Sport, affiliata Uisp. Mazzuca, classe 1960 (categoria SM60), ha portato a termine la gara, 42 chilometri e 195 metri, con un tempo di 3 ore e 33 minuti. Un risultato, che nella classifica generale gli è valso il 1333° posto su 6496 partecipanti (gli iscritti erano 7500). La manifestazione fiorentina, che negli anni è diventata anche “un fatto di costume e di cultura”, ha raggiunto ultimamente un alto livello organizzativo, imponendosi come un evento sportivo d’eccellenza nel panorama nazionale. Non solo. La Firenze Marathon, come si legge sul sito dell’organizzazione, costituisce il “principale appuntamento di corsa su strada che si svolge in Toscana e, insieme a Roma, è ormai di diritto la maratona internazionale più importante d’Italia e tra le prime 20 al mondo per numero di partecipanti e per qualità”.

Non è secondario, in tutto questo, il fatto che il percorso si snodi attraverso gli angoli suggestivi di una delle principali città d’arte italiane (piazza del Duomo, piazza della Signoria, Ponte Vecchio, ecc.), rendendo la partecipazione all’evento qualcosa che va ben al di là dell’espetto puramente sportivo. Per quanto riguarda la gara in sé, va ricordato che la stessa è inserita nel calendario ufficiale delle maratone internazionali, certificata AIMS e riconosciuta dalla IAAF (International Association of Athletics Federations). “E’ una grande passione – ha dichiarato Mazzuca – che coltivo ormai con grande costanza, non senza sacrifici. Peraltro, ne va anche del mio benessere psicofisico. I risultati che sto ottenendo sono motivo di grande soddisfazione, a livello personale ed agonistico. Mi piacerebbe anche che questa mia attività invogliasse i giovani del mio territorio a praticare lo sport, che, in tutte le sue discipline, rappresenta anche un modo di stare bene nella società e nel rapporto con gli altri”.

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments