Redazione Paese24.it

Presidente del Kosovo a Civita per le Vallje, le antiche danze arbëreshë

Presidente del Kosovo a Civita per le Vallje, le antiche danze arbëreshë
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Print Friendly, PDF & Email

Si è conclusa l’edizione 2023 delle Vallje civitesi, con la partecipazione, oltre che dei gruppi arbëreshë provenienti dalla provincia di Cosenza, Catanzaro e dalla Basilicata, anche con la partecipazione di due gruppi Kosovari, provenienti da Ginevra e dalla scuola Ernest Koliqi di Tirana, oltre alla pianista Ermira Lefort. Un’atmosfera gioiosa e armoniosa ha segnato l’intero pomeriggio di martedì (11 aprile), nel borgo italo-albanese di Civita, dove il  senso di appartenenza all’etnia diventa sempre più vivo, le tradizioni tornano a essere realtà viva e musicale. Quest’aria magica caratterizza la Vallja, antica, dolce tragica e struggente che ricorda l’eroe Giorgio Castriota Skanderbeg, che guidò il suo popolo in terra di Calabria. Secondo la tradizione, infatti, questa festa è la commemorazione di un avvenimento storico molto importante per la storia degli arbëreshë, la vittoria riportata da Giorgio Castriota  Skanderbeg, il quale, alla guida di un piccolo esercito, sconfisse le armate turche guidate dal rinnegato Balabano, salvando la cittadella di Kruja il 24 aprile 1467, che secondo il calendario Giuliano in vigore in quel tempo era proprio il martedì dopo Pasqua. Un ballata, questa tramandata di generazione in generazione di canto in canto, che oggi è diventata un’ accattivante  e avvolgente suggestione fonetica, cantata e ballata oggi al ritmo di strumenti quali fisarmoniche e organetti ,un tempo solo con l’ausilio della voce. La regola vuole infatti che la Vallja con il suo incedere, imprigioni al suo interno delle persone rappresentate nel presente da forestieri e fatte prigioniere, le quali per essere liberate devono pagare il simbolico riscatto, che consiste nell’offrire da bere e da mangiare per poi essere ringraziate con il canto.

Quest’anno, in occasione delle Vallje, il piccolo borgo arbëreshe ha ricevuto la visita del Presidente della Repubblica del Kosovo, Vjosa Osmani, accompagnata dall’ambasciatrice della Repubblica del Kossovo in Italia, Lendita Haxhitasim. Presenti, oltre al sindaco  della comunità di Civita Alessandro Tocci, il sindaco di Acquaformosa, Gennaro Capparelli, il vicepresidente della Provincia di Cosenza, Giancarlo Lamensa, il presidente facente funzioni del Parco Nazionale del Pollino, Valentina Viola.

«L’identità culturale e linguistica arbëreshe – ha dichiarato la presidente del Kosovo Vjosa Osmani – è una parte preziosa dell’identità e della cultura albanese. Pertanto la sua conservazione è vitale per tutta la nostra nazione. La festa delle Vallje oggi, nei comuni arbëreshë  di Civita e di Frascineto, è una testimonianza della conservazione di queste tradizioni che si sono tramandate nei secoli». La presidente ha, poi, proseguito la sua visita tra i gruppi partecipanti che le hanno reso onore con canti e danze.

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments