Redazione Paese24.it

Trebisacce, 65mila euro per le famiglie bisognose del comprensorio

Trebisacce, 65mila euro per le famiglie bisognose del comprensorio
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Promosso dalla delegata ai Servizi Sociali Katia Capraro si è tenuto a Trebisacce quale comune capo-fila del Distretto Sanitario un incontro tra sindaci ed amministratori del Comprensorio per pianificare gli interventi socio-assistenziali destinati alla famiglie bisognose. Le risorse destinate all’abbattimento dei costi dei servizi mediante il pagamento delle utenze domestiche e di altri servizi ammontano a circa 65mila euro. «Non sono tanti – ha dichiarato la dottoressa Capraro – ma possono contribuire a contrastare la mancanza di lavoro che spesso spinge molti soggetti verso particolari forme di devianza, purtroppo già presenti sul nostro territorio. La crisi congiunturale che attraversa la nostra comunità – ha aggiunto la Capraro – ha infatti allargato la già vasta fascia di popolazione disoccupata creando nuovi indigenti che si sono sommati a quelli già esistenti, tanto che giornalmente si presentano, presso i nostri Comuni, moltissime persone che chiedono aiuto al fine di superare e risolvere le più impellenti necessità di vita ed i più elementari bisogni quotidiani». Gli interventi sono rivolti a nuclei familiari con quattro o più figli, con basso o bassissimo reddito, per la fruizione di servizi essenziali quali: luce, gas, acqua potabile, utenze di telefonia fissa, trasporti locali, frequenza scolastica, accesso a strutture sportive, culturali e ricreative. Il limite massimo di reddito per avere diritto ai benefici è fissato in 10mila euro rilevabili dal  certificato ISEE. Da qui in avanti ogni comune pubblicherà i manifesti, predisposti dal Comune Capofila, per informare la cittadinanza; raccoglierà ed istruirà le istanze dei propri concittadini e invierà l’elenco dei beneficiari al Comune capofila per l’erogazione dei contributi.

Pino La Rocca

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *