Redazione Paese24.it

Alto Jonio. Chiusura Guardie Mediche, Cgil attacca l’Asp

Alto Jonio. Chiusura Guardie Mediche, Cgil attacca l’Asp
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa

Sposato: «Errore grave gestire Sanità a colpi di decreti»

Anche la CGIL comprensoriale, dopo la vibrata protesta dei sindaci, alza la voce contro l’Asp di Cosenza che, con la soppressione di quattro Guardie Mediche nei comuni di Canna, Castroregio, Cerchiara e Plataci, mette a rischio la continuità assistenziale e penalizza i cittadini delle aree interne. «Procedere a colpi di decreto, – scrive la CGIL chiedendo l’urgente attivazione di un tavolo tecnico – senza ascoltare i sindaci e le rappresentanze sociali è un errore grave che non si può tollerare». Attraverso la nota sindacale sottoscritta dal segretario comprensoriale Angelo Sposato, la Cgil torna a segnalare il fatto che «si continua a gestire la sanità con il deprecabile ausilio della calcolatrice che – scrive Sposato – finora la penalizzato in particolare il territorio che si estende a nord della Calabria Jonica, Tirrenica e del Pollino. Infatti sono proprio le aree interne, – osserva il segretario della Cgil – che già stanno subendo i disastri legati al dissesto idrogeologico e alla mancanza di una adeguata rete di collegamento infrastrutturale, che con questi provvedimenti rischiano di vedersi alienare anche la rete dei servizi socio-sanitari con un depauperamento progressivo ed inarrestabile che alimenta la migrazione e lo spopolamento». E’ per questo che la Cgil territoriale, sposando la causa dei cittadini delle aree interne, chiede ai vertici aziendali di ascoltare il disagio sociale ed di attivare un immediato incontro con i sindaci e le forze sindacali per una disamina congiunta del riordino delle Guardie Mediche.

Pino La Rocca

Condividilo Subito
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
giuseppe pagano
giuseppe pagano
6 anni fa

Il diritto alla salute è un diritto costituzionale.Perchè riordinare le guardie mediche?Perchè chiudere gli ospedali?Vogliamo togliere anche le medicine?Iniziamo invece a mandare a casa i politici incompetenti e i loro dirigenti inconcludenti.

pasquale
pasquale
6 anni fa

Sarebbe ora che i sindaci dei comuni del “Ferro e dello Sparviero” pruomovessero un referendum x chiedere ai cittadini se vogliono “transitare” in toto alla regione Basilicata. Forse salterebbe qualche sedia di assessore alla regione Calabria ? Cui Prodest ?

Luigi A. Casella
Luigi A. Casella
6 anni fa

E’ sufficiente che la “JUVENTUS” o altra squadra vinca lo scudetto, cosa volete di più !!
i popoli del mondo si dividono in 2 categorie:
POPOLI e “POPOLICCHI”, quello italiano a quale delle 2 appartiene???
orfanodipatria@alice.it

giuseppe pagano
giuseppe pagano
6 anni fa

Ci restano solo i farmaci,per ora.La chiusura delle guardie mediche è l’ennesimo esempio di una classe politita incloncudente e delirante.Come si fà a chiudere le guardie mediche a Plataci e Castroregio.